Akoa - Salute, Benessere e Bellezza

Massaggio infantile: l’importanza del tocco nei bambini prematuri

 14 aprile 2018
  |  
 Categoria: Salute
  |  
 Scritto da: admin
massaggio infantile

Da circa 37 anni, la ricerca sull’importanza del massaggio infantile ha fatto passi da gigante, soprattutto in merito all’importanza di questo sui bambini nati prematuri.


La maggioranza degli studi sono stati effettuati dai centri di neonatologia diffusi sul territorio nazionale, da cui è emerso che gli operatori dei diversi centri sono pronti ad utilizzare questa tecnica come se fosse una vera e propria terapia, da introdurre in tutti gli ospedali.


Ma il vero obiettivo della ricerca è quello di istruire i genitori e rafforzare la partecipazione dell’intera famiglia alle cure del neonato prematuro, grazie all’utilizzo del massaggio infantile.



Ma cos’è il massaggio infantile e perché è così importante per un neonato?


Quando un bambino nasce prematuramente, la prima reazione dei genitori non è mai positiva, ma è un misto di paura e senso di colpa, che di sicuro non aiuta a creare la relazione genitori-figlio.


Il massaggio infantile, può dunque essere uno strumento importante per aiutare a costruire questa relazione , un momento speciale per far capire al proprio bambino, l’amore e le cure dei genitori. Questa comunicazione passa appunto attraverso il contatto che si stabilisce con il massaggio.


Nei bambini prematuri, questo "tocco buono" è la dimostrazione che i genitori lo amano e che vogliono nutrirlo di affetto ed attenzioni, in un momento così difficile e delicato per entrambe le parti.



I benefici del massaggio infantile sui prematuri


Massaggiare i bambini nati prematuri, apporta numerosi benefici sul loro sviluppo e crescita; ecco quali:


  • 1. Aumentano di peso giorno dopo giorno, circa il 47% in più rispetto agli altri;


  • 2. Restano più tempo nello stato di veglia;


  • 3. Si abbassa il livello di cortisolo;


  • 4. Piangono meno.


Insomma, è stato dimostrato che le mani calde di mamma e papà, aiutano il piccolo a lenire le sofferenze fisiche e psicologiche e a crescere meglio anche in futuro.



Insegnare mamme e papà a praticare il massaggio infantile


Esistono numerosi corsi massaggio che permettono ai genitori di imparare le principali tecniche di base, ma sicuramente il primo passo da fare è "toccare" il bambino nella zona del corpo meno vulnerabile, dove lui prova meno fastidio e più piacere.


Sono piccoli passi che si fanno un po’ per volta, fino a capire quali stimolazioni tattili il bambino riesce a sopportare meglio e ad ottenere maggiori benefici.


Solo poche regole da rispettare:


  • · tenere il bimbo sempre al caldo o se possibile, avvicinato al petto;


  • · mantenere sempre un contatto visivo;


  • · parlare al piccolo mentre si sta massaggiando;


  • · iniziare il massaggio lentamente e dolcemente a partire dalle zone periferiche (mani e piedi);


  • · utilizzare oli spremuti a freddo e senza profumo da spalmare delicatamente sul corpo del neonato.



Il massaggio infantile è sicuramente il primo passo verso una relazione d’amore e di fiducia, fra te e il tuo bambino.

Navigazione
© 2011-2018 - Akoa.it - Tutti i diritti riservati - Note Legali