Akoa - Salute, Benessere e Bellezza

Trattamenti medici per cellulite: funzionano?

 04 aprile 2018
  |  
 Categoria: Salute
  |  
 Scritto da: admin
trattamenti medici cellulite

Non esiste bacchetta magica che, in pochi secondi, faccia sparire per sempre la cellulite, un problema che affligge numerose donne. La buccia d'arancia appare a qualsiasi età soprattutto su cosce, gambe, fondoschiena e spesso, nonostante diete ferree ed esercizio fisico a casa o in palestra, non va via. Ma la cellulite non deve affatto spaventare e scoraggiare il pubblico femminile in quanto oggi può essere combattuta.


Somatoline bustine, ad esempio, è una emulsione cutanea che aiuta a ridurre gli accumuli adiposi, cellulite compresa, grazie ad un'azione drenante e snellante. Il prodotto, tra i più venduti, va applicato sulla zona da trattare e ogni fase può avere una durata che va dai 15 giorni a un massimo di 2-3 mesi. In fondo, non c'è donna che, almeno una volta nella vita e non per forza prima della prova costume, abbia provato una crema anticellulite per migliorare la tonicità e l'aspetto fisico. Cosa contengono queste creme? Principi attivi capaci di rinforzare ed elasticizzare la pelle. Tra i principi più utilizzati, la caffeina, l'escina, le alghe, l'ippocastano e l'estratto di foglie di vite rossa.


Da non sottovalutare, l'importanza dei massaggi. Quelli linfodrenanti ad esempio, oltre a essere particolamente piacevoli sulla pelle, vanno a stimolare il microcircolo linfatico e si eseguono attraverso una pressione circolare dei pollici. Al contrario, il massaggio connettivale è più profondo a tal punto da poter risultare doloroso: agisce infatti sul tessuto connettivo e la pressione drena anche il ristagno dei liquidi.


Chi desidera intraprendere la propria lotta alla cellulite in maniera rigorosa, sono disponibili una serie di trattamenti professionali. In primis la pressoterapia che, grazie ad apparecchiature specifiche, va a stimolare il drenaggio dei liquidi soprattutto nella zona degli arti inferiori e di quelli superiori. O ancora il laser: attraverso il calore trasmesso sulle zone interessate, favorisce il ripristino della circolazione. Subito dopo ogni trattamento vi è un progressivo miglioramento con conseguente rimodellamento della zona presa in considerazione. Decisamente più nota è la liposuzione, tecnica chirurgica che va ad asportare il grasso in eccesso. Il risultato finale è definitivo e soddisfacente: seguendo alcuni piccoli accorgimenti, è possibile mantenere l'esito stabile nel tempo senza dover tornare in sala operatoria.


Tra i sistemi più innovativi e non invasivi, c'è la cavitazione: grazie a un’apparecchiatura che emana ultrasuoni di bassa frequenza, si va ad agire a livello del tessuto adiposo. A un intervento di questo genere - almeno una decina di sessioni - si consiglia di associare subito dopo un massaggio drenante per eliminare le cellule distrutte dagli ultrasuoni.


Non tutti conoscono poi la carbossiterapia, ovvero la somministrazione sottocutanea, grazie a un ago sottile, di anidride carbonica. Il trattamento in questione riattiva il metabolismo cellulare oltre ad apportare benefici alla circolazione sanguigna e a migliorare la pelle che risulta così più luminosa.


Il consiglio, qualunque sia la scelta, è di preferire sempre e comunque un'alimentazione sana ed equilibrata che sia povera di grassi e zuccheri e di dire definitivamente addio al cibo spazzatura, fare attività fisica in maniera costante, bere molta acqua nell'arco della giornata per eliminare i residui di sodio che causano la ritenzione idrica, ed evitare il più possibile di consumare fumo, bevande alcoliche o gassate.

Navigazione
© 2011-2018 - Akoa.it - Tutti i diritti riservati - Note Legali